Per rendere credibile un minimo i vostri trabocchetti posizionati nei dungeon, o per trasformare una trappola classica in qualcosa di devastante, dovreste allenarvi a pensare a cosa è disponibile a chi la costruisce, e che cosa egli è in grado di fare. Può sembrare, per alcuni, un esercizio eccessivo di realismo e una grossa perdita di tempo, ma in realtà è una cosa che potrete fare anche all’inizio della costruzione del vostro dungeon (o ovunque posizionerete le trappole a seguire), dato che si può supporre che i materiali e il costruttore sarà sempre lo stesso.
Come già detto nei precedenti articoli, una tribù goblin dentro un sistema di caverne realizzerà trabocchetti ben diversi rispetto a quelli posti in un tempio segreto o una tomba da proteggere: il loro livello tecnologico è scarso, utilizzeranno oggetti facili da reperire e la lavorazione sarà grossolana, ma potrebbe essere più efficace del previsto…oppure per nulla!

arca perduta 2

In generale, direi che potrete pensare a questi dettagli secondo una scaletta di questo tipo:

  • Livello tecnologico del costruttore basso, medio o alto: rende la trappola più o meno complessa (quindi influisce sulle probabilità di disarmo). Più aumenta il livello tecnologico, più in genere la trappola sarà costosa, quindi non è intelligente inserire un gran numero di trappole complesse, si perderà in coerenza. Ricordatevi che non è il padrone dell’area in cui si inseriscono le trappole, a rappresentare il livello tecnologico: si può sempre pagare qualcuno per fare un lavoro…
  • Materiali disponibili: se ci si trova in un luogo dove alcune risorse sono carenti, pensate al fatto che la trappola potrebbe essere costruita invece con materiali più a buon mercato. Se ad esempio nell’area il ferro è una rarità, le punte in fondo alla botola saranno pali di legno, viceversa in un dungeon che è l’habitat ideale per i funghi, verranno sfruttati questi come risorsa naturale, preparando trappole in grado di spruzzare spore velenose addosso ai malcapitati. Materiali particolari permettono la costruzione di trappole più difficili da individuare, spesso.
  • Presenza e disponibilità di magia: alcune trappole prevedono l’uso di magia, come i glifi protettivi su porte e muri, oggetti illusori di vario tipo e trappole danneggianti tramite effetti magici. Se nell’area non avete previsto la presenza di maghi, stregoni o sacerdoti, cercate di evitare questo tipo di trappole, dato che nessuno sarebbe in grado di costruirle; in ogni caso, questo tipo di trabocchetto è molto costoso, quindi in base a questo limitatene comunque l’uso. Le trappole magiche rappresentano anche un livello di difficoltà piuttosto alto, sia nell’individuazione che nel disarmo delle stesse.

Come vedete sopra, questi elementi, se decisi da subito, vi aiuteranno non solo a scegliere il tipo di trappola da posizionare, ma vi daranno anche un’idea di quanto possa essere difficile riuscire a scoprirle e disarmarle: materiali semplici e un costruttore con livello tecnologico basso indicheranno trappole facili da individuare e disarmare, mentre presenza di magia, materiali rari e livello tecnologico alto indicano trappole estremamente difficili sia da individuare che disarmare, e conseguentemente una letalità più alta.

La prossima volta parleremo di trappole magiche e illusorie!

Una trappola MOLTO complessa

Quello che vedremo di seguito è un esempio di quanto si possa rendere complessa una trappola. Di per se non sembrerà poi così straordinaria, ma aspettate di vederla.trappola pavimento rotante2

Una porta che conduce in una stanza, si apre perfettamente al centro di essa. Su uno dei due lati, si vede un baule, aperto, dal quale emerge una quantità di tesori: monete, calici, lingotti d’oro e d’argento, buttati anche un pò a caso. Il pavimento della stanza ruota su un perno che si trova esattamente sotto la porta, quindi il pavimento gira sul perno una volta che i malcapitati si dirigono verso il tesoro: il movimento è istantaneo, dovuto al fatto che il pavimento viene sostenuto in posizione da dei perni che si rompono raggiunto un certo peso, dopodichè ruota facendo scivolare i personaggi, in direzione del tesoro, verso qualsiasi cosa abbiate previsto si trovi sotto di esso. Potete far cadere i personaggi in un piano del dungeon sottostante, in una buca senza via d’uscita, su degli spuntoni acuminati, in ogni caso non dimenticatevi che il “tesoro”, probabilmente finto, seguirà la stessa sorte e cadrà tutto in testa ai malcapitati che precipiteranno seguiti da una pioggia di metallo duro e spigoloso!

La complessità della trappola è dovuta non solo al fatto che non è così semplice costruire un intero pavimento semovente, ma che colpirà tutti quelli nella stanza una volta attivata e anche che, per quanto si possa cercare ed essere sospettosi (un tesoro lasciato da solo in una stanza?) non è facile individuarla, in quanto non vi sono meccanismi evidenti e la trappola stessa è molto grande come estensione. Altra cosa che rende la trappola particolare è il fatto che porti chi vi casca, in una nuova area del dungeon, che può essere una pericolosa stanza abitata da qualche mostro quanto il piano sottostante, inoltre è probabile che il gruppo si trovi diviso e che riunirsi diventi difficile

Riepilogo

Descrizione: simile ad una trappola con botola, in questo caso, con l’aggiunta di elementi che la rendono difficilmente individuabile e non disarmabile. Le trappole di questo tipo si compongono di varie parti che danno effetti diversi.

Danni: da pochi a molto elevati, ad ogni aggiunta di complessità, la trappola può aumentare i danni o dare effetti differenti, come detto sopra.

Attivatore: tramite peso, ma gli attivatori possono essere molteplici e differenti fra loro. Aggiungere attivatori aumenta la complessità (la trappola potrebbe non essere attivata, ad esempio, se la porta viene chiusa).

Individuazione: Una situazione simile mette in difficoltà i giocatori, che saranno molto sospettosi, tuttavia la complessità della trappola la rende difficile da individuare: in questo caso si potrebbe indovinare a causa di segni lungo il muro nei punti in cui il pavimento vi  struscia…se ci sono, oppure da piccole fessure nel pavimento.

Disattivazione: praticamente impossibile da disattivare, tuttavia l’aggiunta di particolari attivatori può essere un elemento da cui partire. Non è detto che sia sufficiente mettere in equilibrio il pavimento per non farlo ruotare: ad esempio potrebbe già essere fuori equilibrio, ma mantenuto immobile da dei perni che si romperanno all’aumento del peso nella stanza.